Quando i libri seguivano gli uomini

Archives of Pontifical Gregorian University

86_stp01085

Per l’antica Compagnia di Gesù, e anche per quella restaurata (1814) che cominciò a esaurire il suo slancio vitale verso il 1930, le biblioteche rappresentarono una potente carica di umanità, un vero arsenale retorico, nonché un anello ideale di congiunzione con il proprio passato.

Il superiore generale Luis Martín (1846-1906) ricorda nelle sue Memorie i suoi giorni di studente gesuita al Collegio Massimo di San Marcos nella città di León (Spagna); erano i giorni della rivoluzione che finirà con il regno di Isabel II, conosciuta come “la gloriosa” o “la settembrina”.  Il rettore della casa radunò tutta la comunità dove si trovava Martín e annunciò i tragici giorni che stavano per arrivare che finirono con l’espulsione dei gesuiti. Il giovane scolastico ricorda nel suo diario la paura di quelle ore: i nervi si eccitarono e perfino le necessità naturali si fecero sentire. Non vi preoccupate -dichiarò il P. Rettore- io mi son cambiato…

View original post 1.604 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...