Arte in Chiesa (III): L’informe

Può verificarsi una convivenza di immagini che non hanno nessuna difficoltà a sovrapporsi in stili, tempi o  materiali diversi. Queste “composizioni” in qualche modo rasentano il concetto di “informe” de George Bataille. L’informe “declassa”, rifiuta ogni cosa che abbia una forma accademica, la forma precisa è l’assassinio delle altre versioni. Qui sembrerebbe che l’informe faccia sopravvivere una forma ritenuta per alcuni inammissibile. È da notare che questi allestimenti pur misconoscendo le teorie di Bataille e il concetto di “montaggio” di Aby Warburg hanno qualcosa dei loro presupposti teorici. L’insieme informe declassa la “bella forma”, che comunque continua a essere un residuo in sottofondo, quasi illeggibile e perturbante. Un passato che non passa, insieme a una immagine di resina e polvere di marmo. Il montaggio ancora non si apre a diversità più radicali ma resta legato a imitare l’antico senza riuscirci.

Igreja do Loreto (Lisboa, Portugal)
Igreja da Encarnaçao (Lisboa, Portugal)


Presentazione di Georges Didi-Huberman dell’Atlas di Aby Warburg al Reina Sofia, 2010. Madrid, Spagna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...