A forza di usare maschere si può perdere la faccia

“Dalle tue lettere mi sembra di vedere tal candore d’animo e integrità di mente da desiderare ardentemente di goderne appieno e di comunicarti certi segreti del cuore, che di solito l’usanza vieta di affidare alle lettere. Io son di natura che, come camaleonte, assumo i modi che mi derivano dai simulatori e dagli accigliati, mentre spontaneamente  e con gioia accolgo i modi franchi e gioviali.  Una maschera sono costretto a portare, per quanto nessuno possa farne a meno se vive in Italia. [Personam coactus fero: licet in Italia nemo sine ea esse possit.]”  (Paolo Sarpi a Jacques Gillot, 12 maggio 1609. Lettere ai Gallicani, Wiesbaden, 1961, 131-133.)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...