… sto a sentire coi miei occhi i morti


Ritiratomi in pace tra i deserti

in compagnia di pochi libri dotti,
vivo in conversazione coi defunti
e sto a sentire coi miei occhi i morti.
Se non sempre compresi, sempre aperti,
incitano o correggono i miei assunti,
ed in muti armoniosi contrappunti
parlano al sogno della vita desti.

Le anime grandi escluse dalla vita
le libera dal tempo, vendicandole,
o grande don Josef, la dotta stampa.

Nel corso irrevocabile dell’ore,
qualcuna d’esse segni a suo favore
che leggere e studiare ci migliora.

Il sonetto di Francisco de Quevedo, conosciuto modernamente con il titolo “Dalla Torre”, ben potrebbe rappresentare l’ossimoro tra scrittura e realtà, proprio dell’operazione storiografica. La storiografia occidentale crea un luogo, il passato, luogo incerto e ombroso, che sarà studiato in un altro luogo apparentemente sicuro: il presente. E’ in questo miraggio luminoso del presente che si determinerà ciò che può essere compreso, ricordato o dimenticato. Un’alternativa a questo illusorio taglio potrebbe costruirsi a partire da una storiografia che si addentri nella conversazione coi morti. L’alterità del passato continuerà così ad affacciarsi e a resistere innanzi alle pratiche e ai modelli che cercano di delucidarlo e ricostruirlo.

Può la storia garantire una comunicazione  con il passato? Riuscirà a scoprire come sono stati i cristiani e i gesuiti di ieri tali e come furono, senza convertirli in sopramobili e argomenti, senza trasformarli nei “cari estinti” truccati secondo le esigenze di una teologia o di una apologetica, destinati a soddisfare la nostra avidità, le nostre paure o le nostre polemiche? Non c’è storia vera che non desideri questo incontro, che non minacci la resistenza degli altri, che non sperimenti o non fomenti l’eresia del passato nei confronti del presente… non arriveremo mai agli uomini di ieri senza passare attraverso quelli di oggi.
Michel de Certeau, Il mito delle origini.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...